lariosub.com


Vai ai contenuti

"Tirpiz II" - San Remo (IM)

I video di lariosub.com

Guarda il video
girato da Fabio
il 19 maggio 2008


Guarda il video
girato da Fabio
il 1 maggio 2008


Guarda il video
girato da Fabio
il 6 ottobre 2007

Tirpiz II

 

(foto www.tsaeurope.com)

 

Nome: Tirpitz II
Tipo: nave da carico
Anno di costruzione: 1921
Varo: 02 marzo 1921
Viaggio inaugurale: 27 maggio 1921

Cantiere: Flenburger Schiffsbau-Gesellschaft - Flensburg (Germania)
Armatore: Hamburg-Amerika Packetfahrt A.G. – Hamburg HAPAG (Germania)
Nazionalità: tedesca
Stazza lorda: 7.970 tonnellate
Lunghezza: 143,6 metri
Larghezza: 17,8 metri
Cavalli: 3.700

(foto www.schiffe-maxim.de)

Pescaggio: 9,8m
Eliche: 1
Velocità: 12 nodi
Numero alberi: 4
Passeggeri in prima classe: 18
Data affondamento: 23 luglio 1941

Appartenne alla Flotta Hugo Stinnes AG fino a quando, nel 1926, non venne fondata la HAPAG, la più grande compagnia di navigazione del Mondo agli inizi del ventesimo secolo.

Hapag - Laeisz

Da allora cominciò a prestare servizio nella tratta per il Sud Est asiatico.

Nel 1929 trasse in salvo 13 pescatori giapponesi dopo che il loro peschereccio fece naufragio.

Sue navi gemelle sono state il Generale Belgrano, il Generale Miter ed il Reno.

Partita da Amburgo con destinazione Genova, nel 1940, alla dichiarazione di guerra italiana, rimase bloccata in Mediterraneo.

 

Entro' così a far parte, nel 1941, della "Mittelmeer Reederei", una società militarizzata creata dal Governo Tedesco per gestire le circa 50 navi di bandiera tedesca che erano rimaste bloccate in Mediterraneo allo scoppio delle ostilità e si erano concentrate nelle acque italiane.

Il 23 luglio 1941 la nave, mentre stava transitando presso Capo dell’Arma, all'altezza di Sanremo, trasportando materiale meccanico e pezzi di ricambio da destinarsi all’uso bellico, venne silurata da un sottomarino inglese; vano fu il tentativo del comandante di cercare di farla incagliare su basso fondale dirigendo verso riva.

Ora giace in perfetto stato di conservazione, appoggiata sul fianco sinistro, su un fondale di circa 87m.

Conosciuta per molti anni come “Il Vapore” fu definitivamente identificata solo nel 2000 attraverso il recupero della campana.

Date le sue imponenti dimensioni, sono necessarie diverse immersioni per riuscire a visitarla tutta in maniera abbastanza approfondita
Cerca
stefano@lariosub.com
Copyright © 2003-2010 lariosub.com

Torna ai contenuti | Torna al menu